Il Korego ritorna a Roma con Medea


Il Korego Theater Group e’ lieto di poter ritornare a Roma, e proporre al suo pubblico romano Medea, di Seneca. Uno spettacolo con cui ha debuttato con successo di pubblico e critica alla rassegna teatrale 3drammi3 di Ragusa lo scorso luglio, e proposto a Leiden a settembre.

Al Teatro Marconi, il 18 dicembre 2021 alle ore 20:30

Alcune immagini tratte da Medea, del Korego Theater Group con Carmelinda Gentile

Una vela strappata fa da sfondo a questa tragedia famosissima che riserva
sempre sorprese e che non smette mai di darci nuovi spunti di ispirazione e
di riflessione.
Medea non ci racconta solo la storia di un tradimento e di una donna gelosa
divenuta pazza tanto da compiere un gesto estremo per vendetta.
Medea ci racconta anche la storia di un fallimento sociale, di uomini e donne
che si trovano a scontrarsi con culture diverse, di emarginazioni e soprusi, di
scelte dettate da disperazione, di mari attraversati e speranze perdute.
Medea ci parla di riti arcaici, di una natura che ha perso il contatto con
l’uomo, dove la natura è lei Medea; ci parla di rituali che scendono nell’abisso
del dolore e si perdono nelle insaziabile desiderio di rivalsa. Di una perdita
di identità e di ritorni impossibili.
In un giorno di lucida follia si giocano i destini dei protagonisti di una storia
che nei secoli resta sempre attuale e che ci parla di uomini e donne le cui
vicende non smettono di emozionarci.

Arriva Medea a Leiden 24-26 settembre


Dopo la lunga assenza dai palcoscenici impostaci dalla pandemia, il Korego Theater Group e’ lieto di annunciare la ripresa della programmazione teatrale in Olanda con Medea, di Seneca, spettacolo con cui ha debuttato con successo di pubblico e critica alla rassegna teatrale 3drammi3 di Ragusa lo scorso luglio.

In base alla presente normativa relativa al Coronavirus, per accedere in sala sara’ necessario presentare il QR code Coronacheck, o green pass o certificato cartaceo

Una vela strappata fa da sfondo a questa tragedia famosissima che riserva
sempre sorprese e che non smette mai di darci nuovi spunti di ispirazione e
di riflessione.
Medea non ci racconta solo la storia di un tradimento e di una donna gelosa
divenuta pazza tanto da compiere un gesto estremo per vendetta.
Medea ci racconta anche la storia di un fallimento sociale, di uomini e donne
che si trovano a scontrarsi con culture diverse, di emarginazioni e soprusi, di
scelte dettate da disperazione, di mari attraversati e speranze perdute.
Medea ci parla di riti arcaici, di una natura che ha perso il contatto con
l’uomo, dove la natura è lei Medea; ci parla di rituali che scendono nell’abisso
del dolore e si perdono nelle insaziabile desiderio di rivalsa. Di una perdita
di identità e di ritorni impossibili.
In un giorno di lucida follia si giocano i destini dei protagonisti di una storia
che nei secoli resta sempre attuale e che ci parla di uomini e donne le cui
vicende non smettono di emozionarci.