Esordio a 3drammi3 con Medea e tutto esaurito


Carmelinda Gentile e il Korego Theater Group inaugurano la prestigios rassegna 3drammi3 a Ragusa

Carmelinda Gentile e gli attori del Korego Theater Group inaugureranno la sesta edizione della rassegna teatrale 3drammi3 a Ragusa con una rappresentazione di Medea di Seneca, il 29 luglio alle 20:30.

Le rappresentazioni di Medea proseguiranno a Siracusa il 30 luglio, al Cortile San Francesco, alle 21 (sold out) e con una seconda rappresentazione alle 22:45 per soddisfare la grande richiesta di prenotazioni.

Per il nostro pubblico in Olanda, stiamo preparando delle date a Settembre a Leiden, salvo entrata in vigore di altre restrizioni. A breve forniremo ulteriori dettagli su queste date.

Cosa aspettarci da questa Medea interpretata e diretta da Carmelinda Gentile?

Una vela strappata fa da sfondo a questa tragedia famosissima che riserva
sempre sorprese e che non smette mai di darci nuovi spunti di ispirazione e
di riflessione.
Medea non ci racconta solo la storia di un tradimento e di una donna gelosa
divenuta pazza tanto da compiere un gesto estremo per vendetta.
Medea ci racconta anche la storia di un fallimento sociale, di uomini e donne
che si trovano a scontrarsi con culture diverse, di emarginazioni e soprusi, di
scelte dettate da disperazione, di mari attraversati e speranze perdute.
Medea ci parla di riti arcaici, di una natura che ha perso il contatto con
l’uomo, dove la natura è lei Medea; ci parla di rituali che scendono nell’abisso
del dolore e si perdono nelle insaziabile desiderio di rivalsa. Di una perdita
di identità e di ritorni impossibili.
In un giorno di lucida follia si giocano i destini dei protagonisti di una storia
che nei secoli resta sempre attuale e che ci parla di uomini e donne le cui
vicende non smettono di emozionarci.

Il Cast di Medea

Venerdi’ Santo


Evento online – diretta Facebook – Domenica 28 Marzo 2021 Ore 18:00

Voglia di teatro? Ora puoi goderti un nostro spettacolo comodamente da casa tua! Abbiamo preparato per voi una sorpresa pasquale.

Davanti al palazzo di Pilato qualcuno attende l’uscita di un prigioniero destinato alla crocifissione. La durezza degli avvenimenti viene alleggerita dai toni ironici dei personaggi che andiamo ad incontrare. Un racconto dissacrante e grottesco di un giorno che cambiò la vita di molte persone e forse di tutta l’umanità.

L’evento e’ accessibile anche senza un’account Facebook