Il Korego ritorna a Roma con Medea


Il Korego Theater Group e’ lieto di poter ritornare a Roma, e proporre al suo pubblico romano Medea, di Seneca. Uno spettacolo con cui ha debuttato con successo di pubblico e critica alla rassegna teatrale 3drammi3 di Ragusa lo scorso luglio, e proposto a Leiden a settembre.

Al Teatro Marconi, il 18 dicembre 2021 alle ore 20:30

Alcune immagini tratte da Medea, del Korego Theater Group con Carmelinda Gentile

Una vela strappata fa da sfondo a questa tragedia famosissima che riserva
sempre sorprese e che non smette mai di darci nuovi spunti di ispirazione e
di riflessione.
Medea non ci racconta solo la storia di un tradimento e di una donna gelosa
divenuta pazza tanto da compiere un gesto estremo per vendetta.
Medea ci racconta anche la storia di un fallimento sociale, di uomini e donne
che si trovano a scontrarsi con culture diverse, di emarginazioni e soprusi, di
scelte dettate da disperazione, di mari attraversati e speranze perdute.
Medea ci parla di riti arcaici, di una natura che ha perso il contatto con
l’uomo, dove la natura è lei Medea; ci parla di rituali che scendono nell’abisso
del dolore e si perdono nelle insaziabile desiderio di rivalsa. Di una perdita
di identità e di ritorni impossibili.
In un giorno di lucida follia si giocano i destini dei protagonisti di una storia
che nei secoli resta sempre attuale e che ci parla di uomini e donne le cui
vicende non smettono di emozionarci.

I Diari della Memoria


In occasione del Giorno della Memoria che viene celebrato in onore delle vittime della Shoah il Korego Theater Group, in collaborazione con l’Istituto di Cultura Italiana di Amsterdam, presenta “I diari della memoria “, che sarà trasmesso in streaming in diretta dalla sala del Korego Theater Group ad Amsterdam il giorno 30 Gennaio alle ore 18:30 sul seguente link https://youtu.be/s9ia9KE_4R8

Quante siano state le vittime della Shoah rimane un numero imprecisato, molti documenti furono distrutti perché forse si credeva che il tutto sarebbe stato dimenticato coperto dalla polvere del tempo. Fortunatamente questo non e’ stato, perche’ la voce di tante vittime non e’ stata spenta, e se si provò allora a farle cadere nell’oblio possiamo ancora oggi ascoltarle in tutta la loro, ancora, forza e potenza. Tre donne, tre vissuti, sogni, speranze, amori, tre vite spezzate ma che ancora oggi ci raccontano e che sono state consegnate all’eternita’. Abbiamo cercato di dare con questo piccolo contributo un taglio piu’ leggero, in cui vediamo delle donne che ci raccontano il loro quotidiano minacciato da un oscuro destino che portava un intero popolo, se non addirittura tutta l’umanita’ verso il baratro, senza in realta’ essere così dominante, di cui si sente la presenza ma che sta la’ mentre la vita va avanti, come quando sentiamo le notizie oggi ma sembrano non scalfire la nostra vita, tanto cosa puo’ accadere a me, ai miei cari, mica tutto potra’ cambiare, non sara’ possibile, e invece fu, è stato, per questo ricordare ci deve servire da monito per non accettare mai le ingiustizie per non voltarci dall’ altra parte, per fare anche solo un piccolo gesto per essere Giusti.

Figlie di ….


Il prossimo appuntamento con il Korego Theater Group in Olanda è per Domenica 28 novembre 2021, ore 19:30 Polanen Theater, Amsterdam, con il nuovo spettacolo, ideato da Carmelinda Gentile “Figlie di….

I posti in sala sono esauriti, organizziamo una diretta Facebook dello spettacolo.

                    

Cos’ è la vita se non una partita a scacchi? E’ una partita nell’universo femminile e della femminilità  questa nuova produzione del Korego Theater Group.
Donne che si raccontano e che si scoprono nelle loro intime verita’ che spesso si nascondono per pudore, perche cosi’ ci hanno insegnato che una donna deve pensare ed essere.  Accompagnate da una colonna sonora che fa da percorso alla presa di identità e coscienza femminile, fatta di rinunce, confusione e purtroppo anche violenze, le protagoniste del nostro spettacolo raccontano una realta’ alle volte grottesca, altre comica, altre drammatica, alle volte imbarazzante  e forse scomoda ma mai scontata.